Olia di Garnier. Lucentezza, qualità, colore dei capelli? Solo per donne.

L’abitudine, sovente, non permette di accorgersi in modo consapevole di alcuni schemi che si ripetono inesorabilmente, fino a entrare nelle nostre menti cementandosi come ovvietà o normalità, rendendoci ciechi di fronte a tante realtà. Uno di questi schemi è rappresentato perfettamente dalle pubblicità di tinte per capelli. Nonostante gli uomini possano in realtà utilizzare in tutta sicurezza e tranquillità le tinte proposte negli spot, queste ultime sono sempre presentate come specificatamente rivolte a un pubblico femminile.
L’ultimo spot a saltarmi all’occhio è stato quello di Olia di Garnier.

Milioni di Donne Amano Olia

Questa evidente targettizzazione di genere, appoggiata in pieno da Garnier così come da molti altri marchi, non fa che rafforzare concetti già ben solidi nei nostri pattern mentali così come nella nostra società, evidenziando come taluni elementi (lucentezza e qualità del capello, assenza di capelli bianchi) vadano tenuti particolarmente a cuore dai soggetti di sesso femminile, rivelandosi conseguentemente di minor rilievo per quelli di sesso maschile.

Continua a leggere

La Carlucci e il Rifiutarsi di Essere Fautori di Cambiamento

Questo post non riguarda specificatamente le pubblicità, ma il mondo dei media in senso più ampio.
Nell’articolo sulla linea XLS Medical ho menzionato un controverso aspetto di rilievo tanto mediatico quanto sociale: la differenza di trattamento e percezione, in vari ambiti, del sovrappeso femminile e maschile.
Citando l’articolo:
“Il sovrappeso e l’obesità (nelle donne) risultano essere socialmente inaccettabili e impresentabili a ogni livello.”
“L’uomo sovrappeso preserva la possibilità di rivestire ruoli di spicco e di manifestare senza remore il proprio carisma e le proprie capacità – il tutto a sacrosanta ragione, ovviamente. Il problema è che lo stesso ancora non può avvenire per le donne.”

Orbene, appena qualche ora fa, una conduttrice Italiana tutt’altro che nuova a esternazioni discutibili e polemiche di vario genere, ha non solo palesato con estrema chiarezza la profonda influenza esercitata da questa dinamica, ma ha anche espresso la sua partecipazione attiva a sostenerla.
Vediamo un po’ quali sono le dichiarazioni della donna:

Continua a leggere