Rinazina: Libertà (Anche dagli Stereotipi) in un Respiro

Ogni tanto ci vuole un buon esempio, non trovate? Una bella boccata d’aria fresca nel bel mezzo dello smog stereotipato delle solite pubblicità. Perciò, questo sabato lasciate che giunga con una buona nuova. Se, nella stessa categoria di prodotti per contrastare i sintomi del raffreddore, Vivin C e Vicks si sono dimostrati profondamente legati a immaginari stereotipati, lo stesso non può dirsi di Rinazina, che ci propone qualcosa di diverso. Vediamo insieme questa proposta.

Un genitore sta aiutando sua figlia a concludere gli ultimissimi preparativi prima di una recita, ma ecco che un fastidioso starnuto lo colpisce all’improvviso. Grazie all’aiuto di Rinazina Spray Nasale, però, il protagonista dello spot riesce a liberarsi del disagio e a godersi in piena serenità, con orgoglio (e in compagnia di quella che potrebbe essere la compagna), questo importante momento per la sua pargoletta.

Continua a leggere

Buitoni e l’Abitudine di NON Cambiare

Come forse avrete notato, da un po’ sono tornati in onda un paio di spot dedicati ai prodotti Buitoni. Si tratterà di contenuti innovativi che rispecchiano lo slogan del marchio: l’abitudine di cambiare? Temo che il titolo dell’articolo funga un po’ da spoiler, ma…suvvia, sappiamo già che il panorama attuale di gioie ne dona ben poche. In un certo senso è la stessa esistenza degli spot correnti (di gran parte di essi e soprattutto di alcune tipologie) a rivelare già il fatto che faranno storcere qualche naso. Ma mi sono già dilungata troppo. Perdonatemi! Vediamole un po’, queste pubblicità.

Questo primo spot comincia mostrandoci una giovane donna che si accinge a portare a tavola la cena. I commensali si complimentano per la qualità della pizza proposta, e noi veniamo catapultati nei ricordi della protagonista. La vediamo dimenticare distrattamente parte della spesa sul tram e decidere di “imbrogliare” utilizzando la base per pizza pronta fornita da Buitoni, per poi mentire1 circa le modalità tramite le quali sia arrivata a quel risultato.
Se questa pubblicità fosse a sé stante e isolata, si tratterebbe solo dell’ennesima in cui vediamo – come sempre (un sempre relativo, ma la realtà è spaventosamente vicina all’effettivo) – una figura femminile intenta nello svolgimento delle faccende domestiche. In questo caso spesa, preparazione e servizio del pasto.

Continua a leggere

Parmigiano Reggiano, Tipicamente Italiano nel Suo Maschilismo

Buona domenica, amici e amiche! Oggi vi presento uno spot che meravigliosamente rappresenta il contesto socioculturale attuale del nostro paese, evidenziandone con delicata e suadente chiarezza alcuni aspetti salienti, al fine di presentare un prodotto, il Parmigiano Reggiano, che è tipico dell’Italia allo stesso modo in cui lo sono sessismo e stereotipi di genere.
Ce l’ho fatta a trarvi in inganno, con le prime parole, facendovi pensare che stessi per parlare di uno spot promosso? Ma che bricconcella che sono! Vediamo questa pubblicità, va’!

Lo spot, peraltro visivamente molto ben realizzato, inizia mostrandoci tre persone a tavola: un uomo e una coppia di giovani. Immediatamente siamo introdotti alla divisione dei compiti e dei ruoli, che ci vengono comunicati dalla donna che sparecchia mentre gli altri tre commensali son fermi ai loro posti. Chi mai si offrirà di aiutare la nostra attiva signora? L’unico altro essere di sesso femminile, ovviamente, così da poter lasciare soli i due uomini e far sì che il giovane possa fare una certa richiesta (la proposta che dà il titolo allo spot) all’uomo più anziano. Il tutto si conclude con una bella degustazione di Parmigiano Reggiano.

Continua a leggere

Ehi, Supradyn, a Quando uno Scudo per gli Stereotipi?

Sì, lo so che vi mancava già la dose settimanale di stereotipi di genere nelle pubblicità. Dopotutto è così difficile trovarne. Non è che basti accendere la TV su un qualsiasi canale a quasi qualsiasi ora – previo essere talmente fortunati da beccare la fascia degli spot. Oggi facciamo due chiacchiere su Supradyn. Cominciamo con l’osservazione dello spot.

Premetto che si tratta della versione ridotta (quella integrale la trovate qui). Ho scelto questa perché è l’unica che mi sia capitato di vedere in onda e perché contenutisticamente, nei termini che ci interessano, non cambia nulla rispetto all’integrale.
La clip si apre mostrandoci una donna (che siamo già prontamente portati a leggere come madre e moglie), luminosa e sorridente, che porta latte e…caramelle Supradyn al suo piccolo, intento a leggere. Entrambi sono felici e soddisfatti e lo spot si chiude così, in modo molto semplice e diretto.

Continua a leggere

Regina, Paper for People (Sul Serio, non Solo per le Donne)

Pronti e pronte per un’altra promozione? Dai, che ogni tanto servono a rallegrare gli animi. L’ambito in questione è il celebre campo minato delle pubblicità dedicate ai prodotti per la pulizia, con tanto di condimento di cura dei pargoletti. Chi ci avrà fatto il favore di proporre qualcosa di un po’ diverso? È Regina che dobbiamo ringraziare. Vediamo lo spot.

Sogno o son desta? Son proprio desta, così come è proprio un essere di sesso maschile quello pronto, attento e talvolta ragionevolmente in difficoltà, che si districa in numerosi tentativi per garantire la sicurezza dei suoi figli e che, infine, si trova a fronteggiare, senza problematiche, la pulizia di una superficie.

Continua a leggere