Sfoglia Buitoni – Stereotipata come Te

Continuiamo a parlare di cibo con lo spot di un’altra azienda che ci ha già fatto visita in passato: Buitoni – per di più con lo stesso prodotto: la sfoglia. Prima di iniziare colgo l’occasione per fare i miei auguri a tutte le madri, ovunque siano, qualunque cosa facciano, qualunque cosa amino, qualunque cosa sognino, qualunque cosa rimpiangano, comunque se la passino. Resta detestabile che in Italia la festa sia nata per mano e con intento fascista (“giornata internazionale della madre e del fanciullo” – niente per le fanciulle, gnè gnè – in cui si celebravano le madri più…prolifiche), ma è altra questione! Passiamo allo spot.


Ci siamo? Parliamone.


Continua a leggere

Findus Continua a Prendersi Cura degli Stereotipi

Ci risiamo. Se il 2020 è iniziato sorprendentemente bene per l’azienda italiana che il tempo mi ha insegnato a detestare con maggior passione (grazie, Christian, per la segnalazione), non può dirsi lo stesso per un popolarissimo brand amante della tradizione. Guardiamo l’ultimo spot Findus.

Scopriamo che un gruppo formato da due bimbe e due bimbi sta girando l’Italia col potentissimo agronomo Findus, unica persona in grado di riconoscere gli ingredienti migliori per il minestrone tradizione!! Stacco di scena e ci troviamo a casa dove, mentre un bimbo, una bimba e un uomo sono seduti in attesa, una donna porta in tavola il prodotto pubblicizzato. “Dietro le cose buone, c’è sempre qualcuno che se ne prende cura”, dice il bambino mentre vediamo la madre baciare suo figlio intento a mangiare. Parliamone. Continua a leggere

San Benedetto Baby – Stereotipi Preservati, Patriarchi Felici

Il prodotto della cui pubblicità vi parlerò oggi mi è stato segnalato a inizio del mese scorso, prima che la pubblicità spuntasse sugli schermi (ringrazio per Marzia avermi informata). Scrissi immediatamente all’azienda, San Benedetto, per invitare ad apportare una piccolissima ma molto significativa modifica, ma non ho mai ricevuto risposta. E lo credo, mie care e miei cari. Che volete che mi rispondessero? “Ooops, aspetta che parta la messa in onda dello spot”? Vediamolo insieme.

Vediamo un gruppetto di bimbi e bimbe circondare una signora, bere l’acqua pubblicizzata, chiuderne la bottiglietta, giocare a nascondino, poi a girotondo insieme alla signora. Infine, vediamo la signora carezzare il capo di una bimba mentre questa beve. Lo slogan dell’acqua San Benedetto Baby è “mamme tranquille, bimbi felici”. Parliamone.

Continua a leggere

Epitact – Gli Stereotipi Sono la Nostra Specialità

L’argomento trattato è completamente differente, eppure lo spot che vedremo in quest’articolo è pressappoco identico a quello discusso nello scorso. Che magia. Scopriamo come e perché le comunicazioni sono simili, iniziando con la visione della pubblicità Epitact.

Una voce maschile ci chiede se soffriamo di calli o duroni, mentre vediamo una donna massaggiarsi l’avampiede con, dietro sé, un bambino e una bambina che giocano. Meno male che Epitact ha inventato dei magici cuscinetti plantari! Via il dolore e torna il piacere di camminare – o meglio, correre dietro a figlio e figlia. Continua a leggere

Fanta – Italiana dalla Nascita, Mai un Passo Avanti

Mie e miei prodi, a quanto pare è periodo di gloriosi ritorni.
Ah, che bello poter assistere alla crescita comunicativa delle aziende che, con coraggio e creatività, lasciano dietro sé gli stereotipi per lanciarsi verso un futuro di libertà.
Ma, no. Non è questo il caso, perché Fanta è ferma, fermissima, esattamente dov’era con lo scorso spot. Vediamo il nuovo.

Un ragazzo e una ragazza stanno facendo i compiti, mentre una losca figura aleggia dietro di loro. Al grido di “Pausa!” la figura si mostra a noi e a loro. È proprio lei. Donna. Porta dei tramezzini, apre la Fanta e versa la Fanta. Ragazza e ragazzo bevono Fanta e si divertono con un’applicazione. Donna si unisce e comincia a ballare a ritmo. Lo spot si chiude con la narratrice che invita il target inteso come di riferimento (grande mistero su quale sia) a fanta-divertire i suoi ragazzi con Fanta. Parliamone.

Continua a leggere