Acchiappacolore Grey – Protezione Totale per i Tuoi Stereotipi

Anche oggi ci teniamo leggere e leggeri, con uno spot semplice e veloce che si assicura di dare una bella manina nel rendere ancora più unilaterale ed esclusiva la rappresentazione pubblicitaria. Il tema è il bucato. O meglio, la preservazione del colore del bucato. Vediamo un po’ come sceglie di presentarsi al pubblico l‘Acchiappacolore di Grey.

Silvia è assolutamente disperata. Quella sua maglietta fina rosa si è scolorita! Ma con entusiasmo sopraggiunge il narratore, che la invita a scegliere l’Acchiappacolore Grey, che assorbe colori dispersi e residui. Favoloso! Il prodotto è talmente eccezionale che Silvia diventa un’altra persona e la maglia diventa un’altra maglia. Parliamone.

Continua a leggere

Sofargen Gel e la Collaborazione in Famiglia

Cari lettori e care lettrici, oggi mi accingo a presentare il primo spot che si è guadagnato la piena promozione. Non una promozione a metà, ma un’effettiva promozione.

Così come la vostra stessa esperienza di visualizzazione vi avrà concesso di notare, e così come ho spesso sottolineato negli articoli scritti per questo blog, il mondo della pubblicità ha sempre operato attivamente (e continua a farlo) per comunicare e rafforzare associazioni di genere stereotipate che risultano particolarmente dure a morire anche per questa stessa ragione.
Tra le più comuni e profondamente radicate troviamo l’associazione donna-lavori domestici e cura dei bambini.
Basta sintonizzare la televisione su qualsiasi canale per trovarsi a guardare spot che rinvigoriscono con estrema chiarezza questo spaccato di immaginario socioculturale.

Ed è a maggior ragione per questo che guardare spot come quello che sto per mostrarvi è estremamente piacevole e consente di assaporare una boccata d’aria fresca nel bel mezzo di un ambiente dall’elevata tossicità.

Niente Supermamma, stavolta, a prendersi cura di ogni cosa come se fosse un dovere misticamente insito nel suo patrimonio genetico e biologico di donna.
Ma un’eccezionale e positiva immagine di famiglia collaborativa1, che opera insieme e con armonia per far fronte alle esigenze del nucleo.

I genitori si fiondano a soccorrere la figlioletta caduta, con l’uomo che non esita a divenire parte attiva nella cura della ferita della piccola, utilizzando il prodotto pubblicizzato (Sofargen Gel).

Continua a leggere

50% Sessista, 50% Progressista (Ace Spray Universale)

Sulla scia dell’ultimo articolo, anche oggi intendo scrivere di uno spot (o meglio, una linea di spot) che mi sento di promuovere…ma soltanto a metà.
Il prodotto pubblicizzato ACE Spray Universale.
Lo spot che ho inizialmente avuto l’opportunità di vedere è stato il seguente.

Pubblicità che, come potete vedere, meriterebbe tutt’altro che promozioni, di per sé.
La presenza, con bambino, di un genitore di sesso maschile accanto a quello di sesso femminile non fa altro che, infatti, rendere ancora più spregevole la scelta di porre la responsabilità della pulizia sulla sola donna alla fine dello spot. Si parte, magari, pensando che lo spot possa vergere su una collaborazione tra i coniugi di diverso sesso, e ci si abbatte osservando la conclusione, che va a rinvigorire i soliti, vecchi e dannosi standard stereotipati.
E allora perché ho scelto di promuovere a metà questo spot?

Continua a leggere

Progresso…a piccoli passi (Dyson V8)

Avendo finora per lo più scritto di pubblicità stroncate in toto, oggi mi propongo di presentare un marchio la cui desidero promuovere…a metà.
Anche questa volta l’ambito è quello estremamente spinoso delle pulizie domestiche (non l’unico colpito da sessismo e stereotipi di genere, ma sicuramente uno dei più esplicitamente influenzati e influenti).*

Lo spot in esame è quello di Dyson V8.

La pubblicità mostra una donna intenta nell’utilizzo dell’aspirapolvere senza fili Dyson per pulire sporco e residui con facilità. Ero già sul punto di ruotare gli occhi verso l’alto quando la frase portante dello spot è giunta al suo termine: “Aspirazione potente per pulire a fondo, e un’autonomia per pulire dappertutto, in ogni momento…PER TUTTI”.
Continua a leggere

Il bucato è roba da…TUTTI.

Gli ambiti che, in modo più plateale, continuano a perpetrare gli stereotipi di genere nel panorama pubblicitario, sono senza dubbio quelli relativi ai prodotti per la pulizia e la cura dei bambini (i terribili spot Lysoform sono un perfetto esponente di questo filone).

In questo breve post desidero presentare un altro paio di esponenti della categoria: uno bocciato e uno promosso.

Poiché l’immaginario che vuole bucato e pulizie come appannaggio esclusivo della donna è ancora così fermamente radicato (e un grazie particolare va proprio alla storia degli spot), non è necessario arrivare ai Livelli della Supermamma di Lysoform per fomentare il messaggio, bensì è sufficiente continuare a mostrare la donna come protagonista indiscussa del mondo domestico.
Ecco perché, il seguente spot Omino Bianco, rientra a pieno titolo tra le pubblicità che rafforzano gli stereotipi di genere e l’associazione femminile/pulizie.

Ma passiamo alla pubblicità promossa, che ho avuto modo di vedere per la prima volta proprio ieri – sebbene probabilmente non sia nuovissima.

Continua a leggere