Kia – The Power to Objectify

Oh, voi pie anime che temevate che si fosse smesso di puntare sul binomio donne-auto, Kia è giunta in vostro soccorso, pronta a donarvi il comfort della sgradevole tradizione con la pubblicità del suo Sportage. Guardiamola insieme.

Un barbuto giovane siede in solitudine a un tavolino, in attesa. Il nostro prode eroe non sarà solo per molto. Prima arriva la rossa, poi arriva la blu. Le due Kia Donnage (interpretate dalla conduttrice Diletta Leotta) circondano il protagonista, positivamente sorpreso dalla loro presenza. Parliamone.

Continua a leggere

Lancia Ypsilon e i Dettagli che Non Fanno la Differenza

Oggi torno a parlare dell’altra faccia di un ambito pubblicitario già trattato in qualche occasione: quello automobilistico. Dopo aver esplorato parte del marketing a target maschile (qui e qui), è arrivato il momento di volgere lo sguardo alla parte femminile. Perché sì. Esistono autovetture pensate, dal design alle pubblicità, per le donne, con tutte le implicazioni del caso. Mettiamo in pausa le chiacchiere per lanciarci subito nel mondo stiloso della Lancia Ypsilon.

Un bambino comodamente (?) seduto sul tetto di una chiesa osserva con trepidazione l’arrivo della non-protagonista, che con gran gioia guida la sua Lancia Ypsilon. Più tardi, in compagnia di un prete intento a predicar, il pupo rivolge i suoi occhietti colmi di ammirazione e precoce lussuria (?) al completamente rosso guardaroba, tutto steso ad asciugar, dell’adorata guidatrice. Per fortuna la manozza del prete non impedisce al nostro eroe di cogliere il bacio rivoltogli dalla non-eroina stendipanni. Lo spot prosegue con la voce narrante che ci comunica che sono i dettagli a fare la differenza, mentre vediamo osserviamo la signora amata dal bambino guidare con comodità la sua Lancia Ypsilon. Parliamone, mie very Ypsilon People.

Continua a leggere

La Vita Può Sorprenderti, Renault (Purtroppo) No

Vi mancavano le quattro ruote? Oggi torno a parlarne (e ci tornerò ancora in un prossimo futuro), presentandovi una campagna pubblicitaria Renault che mi ha messa in seria difficoltà, perché porta in campo elementi che non consentono una bocciatura netta. Tuttavia, sempre di bocciatura si tratta, e scopriremo presto perché. Partiamo con la visione della prima versione pubblicitaria (ce ne sono tre in tutto e le menzionerò in ordine di pubblicazione sul canale ufficiale Renault).

Due persone in viaggio. Il passeggero informa il guidatore della sua imminente partenza per Las Vegas con l’ex dell’altro. Il regolatore adattivo dell’auto consente di evitare un tamponamento nonostante lo stupore causato dalla dichiarazione, e l’assistente per la permanenza entro la carreggiata risparmia un’uscita di strada alla scoperta del matrimonio in vista. Infine, il freno d’emergenza salva la vita a dei poveri passanti che stanno per restar vittima dell’ennesimo shock, stavolta provocato dall’informazione relativa alla gravidanza della donna. L’ultima parola l’avrà il nostro guidatore, quando comunicherà all’amico che andrà al matrimonio accompagnato da sua sorella. La vita può sorprenderti, la strada no. Questo lo slogan di chiusura dello spot.

Continua a leggere

La Passione per le 4 Ruote non ha Sesso, Secondo LIDL

Che ne dite di concludere Gennaio con un barlume di positività? Il marchio protagonista dell’articolo di oggi è familiare. Ho già, infatti, avuto modo di menzionare gli spot LIDL in ben due casi (uno e due), entrambi negativi nel loro essere caratterizzati da rappresentazioni classicamente stereotipate. Ma non mi tiro certo indietro quando c’è da complimentarsi, che è proprio quello che sto per fare. Guardiamo insieme la pubblicità. Le ragioni della promozione si renderanno immediatamente chiare.

Il video ci mostra un uomo e una donna che sollevano il cofano di un’automobile, procedono con il caricamento della batteria e con l’aspirazione dell’olio, richiudono il cofano e, infine, partono per dirigersi, soddisfatti, verso la loro destinazione. Parliamone.

Continua a leggere

Con Citroën‎ le Possibilità sono Infinite, Purché siate Uomini

Ricordate quando, in occasione dell’articolo sulla Toyota menzionai brevemente la connotazione stereotipicamente mascolina che si tende a dare alle pubblicità di autovetture, specialmente se sportive o di tipo SUV? Ebbene, uno spot attualmente in onda mi ha rinfrescato la memoria. Grazie, Citroën‎!

La pubblicità ci mostra diversi uomini alle prese con diversi tipi di attività (oh, e tre ragazze in auto che cantano) e, nel farlo, elenca le varie possibilità rese realtà dalle fantastiche capacità dell’auto proposta.
Che tu, spettatore dello spot – che sceglieremo di percepire come, basilarmente, di sesso maschile – voglia essere un filmaker, un babysitter, un writer, un teenager, un wrestler, un explorer, un leader, un dogsitter, un dreamer, un hipster, un serfer o un globetrotter, il Compact SUV Citroën‎ C3 Aircross è il mezzo che fa per te!

Continua a leggere